Follow by Email

Dopo tanto vagare la Mila ha finalmente trovato una casa!

mercoledì 14 settembre 2011

La Mila vacanza



Dato come postulato cartesiano che siamo stati tutti in vacanza,varrebbe la pena ,prima di lasciarsi alle spalle improbabili aperitivi in bottiglietta o l'ennesimo tentativo  di far andare di moda il trikini, fermarsi a riflettere su quanto accaduto.
 Per  un giorno,un pomeriggio o per un attimo, abbiamo sentito il bisogno di fare esperienze originali , lontane da un conformismo che in città ci insegue come un' Erinne, cercando di trovare per primi posti   contrassegnati da quei simboletti rossi (mai capito cosa fossero)che sulla guida Michelin indicano "luogo ameno".
 La crisi economica ha imposto una certa  austerità e quindi niente vacanze chiassose o intercontinentali ma semplici alberghi, ricavati in sperdute isole ex carceri penitenziarie dove ora si pratica la "Cateno -terapia". In deliziose cellette di isolamento senza cibo e alcun tipo di confort ,tranne ca va sans dire una presa per ricaricare l'Ipad,si sublima la nuova frontiera del detox.  Oppure case di pescatori, disagevoli per antonomasia, per ritrovare noi stessi e scoprire quanto non ci piacciamo, dove intorno non c'è assolutamente nulla tranne la pista di  atterraggio per l'elicottero del ricchissimo vicino che ci ricorda tanto la fermata dell' ottantuno sotto casa. Spiagge disabitate,impervie, dove arrivano solo gli svedesi o i bambini neozelandesi con le tute anti-sole al carbonio, pallidi come la luna ma fieri di aver capito, a tre anni, che lo schermo totale tanto decantato dalle nostre creme è una boiata pazzesca.Armata di borsa di paglia,bambina,e scarpa sbagliata, in balia delle onde senza le facoltà di una sirena , ho attraversato suggestive passerelle naturali per raggiungere insenature incollocabili nello spazio e nel tempo e  facendo  i conti con i miei limiti e l'assoluto rifiuto di prenotare un tutto compreso a Cesenatico solo per  poter raccontare  "c'eravamo solo noi e due finlandesi" (e di aggiungere mentalmente un vulgaris " E ti credo").
 La sera di ferragosto poi, giammai un trenino o cotillons ma una serata a tema "Jacques Brel".  Dress code: dolcevita nero e una depressione a scelta.Quattro ore gestite da uno chansonier al massimo di Ventimiglia, inesorabilmente torvo, intento a gestire uno sparuto gruppo  contrario per principio al trenino. Oppure un  concerto di Oboe sulle montagne,da raggiungere a piedi strafatti di Kapriol,dove la gravità del suono  provoca una slavina tale da immettere il pubblico in una situazione di allerta ambientale quasi a  sottolineare, anche in vacanza, il  senso di caducità della natura .In alternativa  cene in masserie dove tutto è di recupero, la cui punta di diamante sono delle scomodissime sedie a sdraio ricavate da cariole in disuso. Diconsi a   impatto zero,soprattutto quando il tuo fondoschiena sbatte  sulle chianche del pavimento ,di recupero ovvio, trovate  in una vecchia chiesetta abbandonata  nel Cilento "le abbiamo viste e abbiamo pensato che erano perfette per la casa in Puglia" .Quanto abbiano speso per  trasportarle  non lo sapremo mai.
Dopo aver degustato qualsiasi prodotto tipico in qualsiasi tipo di terrina  mi accingo a degustare il  solito caffè, al solito bar, nella solita tazzina di vetro che sarà il mio Caronte verso un anno pieno di quelle sicurezze,molto poco originali ,che mi fanno sentire  libera di asserire che parto sempre un pò per amare il mio ritorno.
Ed ecco qui che, contrariamente ad ogni aspettativa, anche io,ho un pensiero originale e finalmente contro tendenza.

P.S. Questo post è dedicato a tutte le persone che mi hanno ospitato durante le vacanze, consapevole  di quanto ,molto più dei fondali trasparenti o della sagra  della qualsiasi,sono loro che hanno  fatto la differenza.

Nessun commento:

Posta un commento